NUOTARE IN ACQUE LIBERE

PAURA DELL’ACQUA

La paura e l’ansia dell’acqua , della profondità e di nuotare in acque libere (e a volte anche in piscina) può manifestarsi anche all’improvviso e anche in soggetti che non hanno mai manifestato questo tipo di fobie.

La prima cosa da fare è non provare vergogna ed accettare questo stato momentaneo della propria psiche.

La seconda azione da intraprendere è parlarne con il proprio allenatore/istruttore. Egli probabilmente vi dirà che non siete i soli a subire questo stato di malessere (minore vergogna, quindi minore stress su di sè).

La terza è iniziare a parlarvi al fine di intraprendere un’azione di auto-analisi. L’ansia nei confronti dell’acqua assai spesso è causata da una paura dell’ignoto, dell’ affrontate una nuova strada, del timore di non essere all’altezza di una serie di compiti richiesti di tipo lavorativo o famigliare ecc…

Spesso è collegata a una bassa autostima e a una visione visione negativa di sè (classico pensiero ”Non sono capace di…”).

Anche la nostra campionessa Federica Pellegrini ha patito improvvisamente di ansia in acqua : può capitare a tutti ma il problema non è subirla ma non affrontarla.